LO STUDIO PROFESSIONALE DEVE RIMANERE CENTRALE

LO STUDIO PROFESSIONALE DEVE RIMANERE CENTRALE

UN MODELLO PROFESSIONALE VINCENTE

L’odontoiatria molisana sta vivendo, da diversi anni, un cambiamento determinato prioritariamente dalla crisi economica che ha riguardato l’intera nazione, ma non da meno dall’evoluzione tecnologica del settore e dai mutamenti di mercato.

Molti giovani odontoiatri molisani, con l’eccezione dei “figli d’arte”, pur di entrare rapidamente nel mondo del lavoro sono stati costretti ad accontentarsi di un “minimo salariale” presso attività consolidate o più frequentemente presso catene dentali e centri low cost.

La presenza in regione di questi ultimi risulta attualmente, però, non ancora così forte come in molte altre realtà. Probabilmente la popolazione di poco più di 300.000 abitanti, su una superficie territoriale non estesa, ha limitato almeno per il momento l’espansione del fenomeno.

In larga misura prevale, ancora, il rapporto fiduciario con il dentista titolare di studio mono-professionale. D’altro canto si registra una sempre maggior propensione alla costituzione di studi associati, che possono garantire, se ben organizzati: continuità assistenziale, condivisione dell’onere economico gestionale, competenza multidisciplinare, in un’ottica di mantenimento del rapporto fiduciario.

Questa potrebbe essere la forma più valida di contrasto alle “catene dentali”.

La capacità di interpretare il mercato e di assecondarlo sarà sempre più una peculiarità necessaria nel mondo odontoiatrico a cui i dentisti molisani non potranno sottrarsi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AntonioNiro.png

Antonio Niro

ANDI Molise