Il giovane futuro

Il giovane futuro

Ricordo l’articolo di giornale uscito il giorno successivo al mio giuramento di Ippocrate come se fosse ieri: “Quei giovani con la mano sul petto” recitava.
Mi sento in dovere di dire che ad oggi quella mano, oltre che sul petto, è stata anche messa sulla coscienza in segno di amore per la professione da parte di tutti i giovani colleghi ANDI della provincia di Rovigo.

Ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo dato vita ed inizio al ricambio generazionale dell’Associazione con il più giovane consiglio provinciale di tutta la Nazione a dimostrazione del fatto che i giovani non sono il futuro ma il presente.

Volenterosi e vogliosi di non tradire le aspettative dei nostri votanti associati, traghettati dal nostro Presidente Bruno Noce, abbiamo fatto tesoro di ogni singolo incontro, di ogni singolo evento e di ogni singolo esecutivo, aumentando il nostro bagaglio esperienziale giorno dopo giorno.
Fondamentale per noi è stato l’affiancamento alla “vecchia guardia” che è stata in grado, attraverso il suo sapere e il passato operato, di trasmetterci la passione con tutto quanto necessario a rendere possibile il nostro lavoro e, cosa non da meno, far diventare il gruppo credibile agli occhi dei colleghi, in particolare di quelli più  scettici sulla possibilità per ragazzi così giovani di prendere in mano le redini dell’Associazione provinciale e svolgere al meglio la sua attività.
Un lavoro e un impegno così apprezzato da permettere oggi a una parte del nostro esecutivo provinciale di ricoprire anche incarichi a livello regionale e nazionale.

Questo scritto non vuole essere un elogio alle nostre persone ma semplicemente testimoniare come la giovane età non sia sempre sinonimo di inadeguatezza per la scarsa esperienza.

Mai come in questo momento storico ANDI è stata in grado di creare occasioni di spazio, di confronto e dialogo, operando concretamente per aprire la porta ai giovani.
Pertanto colgo l’occasione per spronare tutti quei colleghi “giovani” che ancora non l’avessero fatto, ad interessarsi e vivere a 360 gradi l’Associazione poiché l’esperienza, la formazione e la conoscenza che nè deriva è fondamentale per il bene della nostra professione.

Daniele Noce
Tesoriere provinciale ANDI Rovigo
Responsabile progetto ANDI con i giovani di RovigoMembro GDL “Comunicazione” ANDI Nazionale