ANDI News Lazio

ANDI News Lazio

CORSO ”PROCEDIMENTO DISCIPLINARE SIMULATO PER VIOLAZIONE DEONTOLOGICA IN TEMA DI INFORMATIVA SANITARIA”

Grande partecipazione alla serata del Corso di aggiornamento organizzato lo scorso 14 Novembre dalla Commissione Albo Odontoiatri, nella sede OMCeO di Roma,  dal titolo ”Procedimento disciplinare simulato per violazione deontologica in tema di informativa sanitaria’’. Un evento che si è rivelato decisamente innovativo per gli iscritti all’Albo dei Medici e Odontoiatri di Roma  in quanto ha simulato gli scenari che possono verificarsi in seguito ad un procedimento disciplinare per violazione deontologica in tema di informativa sanitaria, materia recentemente regolamentata dall’emendamento dell’On. Rossana Boldi, introdotto nella Legge di Bilancio 2019 oltre che disciplinata dal Codice Deontologico.

La serata si è aperta con la presentazione del Corso da parte del Coordinatore e Consigliere Omceo Roma Dott.ssa Sabrina Santaniello e con i saluti delle autorità a partire dal Dott. Raffaele Iandolo, Presidente Nazionale CAO che ha sottolineato come l’introduzione  della nuova norma rappresenti un successo, un risultato raggiunto grazie all’unità di tutti gli attori della ”cabina di regia”  sull’Odontoiatria (CAO Nazionale ANDI e AIO).  

L’Onorevole Boldi, impossibilitata a partecipare, ha fatto recapitare un messaggio affinché fosse letto ai partecipanti: ”Carissimi Colleghe e Colleghi, purtroppo non posso essere con voi a causa di impegni improrogabili  sopravvenuti in modo inaspettato rispetto alla mia adesione al vostro convegno. Mi scuso per questo in modo particolare con Sabrina Santaniello, instancabile ideatrice di momenti di riflessione e studio dei problemi che toccano più da vicino  la nostra professione. Desidero confermare la mia vicinanza a tutti gli odontoiatri e la mia disponibilità all’ascolto, e quando possibile alla proposta di soluzioni dei problemi degli odontoiatri italiani, non con spirito corporativo, ma nell’ottica di offrire cure migliori ad una platea sempre più vasta di cittadini”.

A seguire il Presidente Nazionale di ANDI Carlo Ghirlanda ha evidenziato come dopo la legge Bersani e lo sviluppo commerciale della pubblicità sanitaria, per il cittadino sia diventato sempre più difficile scegliere in modo consapevole un piano di cura senza essere condizionato dalle logiche di mercato. Tuttavia, grazie  all’ incessante lavoro delle associazioni di categoria presso i decisori, a tutela della salute pubblica, si è arrivati all’approvazione di una legge, il decreto Boldi, che proibisce comunicazioni informative dal carattere promozionale e suggestivo nel rispetto di una libera e consapevole scelta da parte del paziente. Ghirlanda ha sottolineato quindi che è legittimo per i professionisti farsi conoscere e promuovere la propria attività professionale purché ciò avvenga  attraverso modalità deontologicamente corrette.

Ha chiuso i saluti il Dott.Giovanni Migliano Presidente AIO Roma, per delega del Presidente Nazionale AIO  Dott. Fausto Fiorile, ricordando ai discenti  la posizione contraria di AIO  sulla pubblicità  in quanto ”chi vende una terapia non è un medico”. Da qui l’esigenza di formare i colleghi sulle corretta informazione sanitaria perché ”il rapporto tra medico e paziente non può basarsi sul prezzo o sulla convenienza, ma sulla fiducia”.

Lo scopo della simulazione, introdotta dalla Moderatrice Avv. Maddalena Giungato, è stato quello di enunciare quali sono gli aspetti di disonore deontologico in tema di informazione sanitaria, le sanzioni a cui si va incontro e come la CAO affronta un caso di violazione da parte di un iscritto.

A condurre il provvedimento disciplinare simulato è stato il Dott. Andrea Senna, Presidente Commissione Albo Odontoiatri di Milano, nonché Vicepresidente OMCeO Milano, che dopo aver approfondito la nascita, il contenuto e il glossario del decreto Boldi ha passato in rassegna diverse pubblicità segnalate alla CAO Roma, esaminate dalla Commissione CAO simulata composta da: Salvatore Ranieri  Componente Commissione Giovani Odontoiatri OMCeO RomaFrancesco Borghi Componente Commissione Fondi Sanitari ed equo compenso OMCeO Roma, Luigi Gallo Componente Commissione Bioetica e Biodiritto  OMCeO Roma e  Ettore Farcomeni Componente Commissione Abusivismo OMCeO Roma.

E’ intervenuto anche il Prof. Antonio Pelliccia Economista e consulente di direzione per le strategie di impresa e per la gestione strategica delle risorse umane  con un focus sul rapporto economico che si è creato tra  l’Odontoiatria e la pubblicità. Il Professore ha evidenziato come gli spot aggressivi possono diventare addirittura controproducenti per il professionista perché il paziente ha bisogno soprattutto di fiducia e quindi  ‘’il vero marketing oggi per un dentista è essere persona terapeutica per il paziente’’.

Anche Nicola Illuzzi, Consigliere OMCeO Roma ha portato il suo contributo al dibattito con un intervento sulla pubblicità ingannevole ridimensionandone la sua reale efficacia sul fatturato ed evidenziando le tendenze che spingono alcuni colleghi a ricorrervi nella speranza di aumentare il numero dei propri pazienti.

A seguire la Tavola rotonda sull’informazione sanitaria a tutela della salute moderata da Sabrina Santaniello. Un dibattito che ha visto al centro il ruolo e le esigenze del cittadino/paziente, oggi sempre più disorientato dai molteplici imput in tema di pubblicità sanitaria, ma che ha il diritto di scegliere in libertà e con consapevolezza per il bene della salute. Sul tema hanno discusso Brunello Pollifrone, Presidente Cao RomaLaila Perciballi  Avvocato movimento consumatori e referente per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine Federazione Nazionale delle Professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP) e il Dott. Gilberto Triestino promotore della petizione sulla corretta informazione in sanità.

Dichiarazione Sabrina Santaniello Consigliere Omceo Roma,  Presidente ANDI Roma e Segretario ANDI Nazionale

‘’Sono molto soddisfatta di questa nuova esperienza di aggiornamento portata per la prima volta nell’OMCeO Roma. Si è trattato di un corso innovativo che nasce con lo scopo di informare i colleghi sulle giuste modalità di visibilità della propria attività professionale, nel rispetto delle normative di legge e deontologiche a  tutela della salute del cittadino, per consentire al paziente di poter fare una scelta libera e consapevole, scevra dai dettami di natura commerciale. Non solo, abbiamo anche voluto mostrare le procedure dell’Ordine di Roma a seguito di una segnalazione di  una pubblicità o informazione sanitaria che viola la legge Boldi e il Codice Deontologico. Un esperimento ben riuscito a giudicare dalla partecipazione e dalla interattività  tra colleghi e relatori che si è creata nel corso della serata. Un “ format”  sicuramente destinato a ripetersi, prendendo volta per volta in esame tematiche cogenti per la professione’’.